Mostra fotografia allestita all'interno del "P-FEST", Festival di Primavera, 21/23 giugno 2013, Ruvo di Puglia (BA)

analogic analogic analogic analogic analogic analogic analogic analogic analogic

La raccolta di foto “Ruvo analogica” è l’esito del corso di ripresa, sviluppo e stampa “Le Luci della Città” tenuto, negli ambienti dell’associazione culturale “La Mancha”, da Michela Frontino e seguito con entusiasmo e passione.  
Il corso ha provato a intercettare anche chi si avvicinasse per la prima volta al mondo della fotografia analogica, e che fosse incuriosito dall’idea che fotografare fosse come “scrivere con la luce”.

Uno dei più autorevoli fotografi italiani, Luigi Ghirri, sosteneva che la fotografia non sarebbe potuta nascere fuori dall’ambiente urbano, perché la civiltà urbana cova il bisogno di vedere il mondo raddoppiato alla rovescia: il mondo urbano, proseguiva il Maestro, non ha le stesse possibilità della campagna di godere del mondo raddoppiato dagli stagni, dalle pozzanghere, dai pozzi, dalle ombre.


Il corso ha sviluppato l’idea di un progetto fotografico sul paesaggio urbano di Ruvo di Puglia fotografando le piazze, le strade, i quartieri e i confini tra l’insediamento urbano e l’agro murgiano. Il corso ha così realizzato delle sequenze documentarie sulla città e sul suo paesaggio.
Questa “biografia fotografica” ha inteso dar voce alla città e ha voluto produrre una narrazione facendo parlare le immagini del paesaggio urbano. Gli Autori di “Luci della città” hanno fatto dialogare le strade con le campagne che cingono Ruvo.
Il gruppo di Autori ha dato la forma fotografica allo spettacolo che offre Ruvo di Puglia al viandante: il borgo appare come un’isola abitata nel mare della campagna. La cittadina è come un’isola cui le foto hanno dato un’essenza reale e non immaginaria, perché il suo vissuto, fissato nei visi dei venditori sull’extramurale e nelle espressioni dei cittadini raccolti per le strade, conferisce alla mitologia propria delle isole il senso della quotidianità.
La raccolta “Ruvo analogica” dà forma al controsenso di una città rurale che è isola nella campagna: la collettiva dà luce all’abbraccio che cinge di campagna il borgo e documenta il borgo che si arricchisce delle singolarità del quotidiano.

Enrico Mastropierro


Gli autori delle foto
-------------------------
Filomena Moschetta
Agata Pesce
Stefania Sgherza
Tobia Tridente
Marco Volpe