Mirabilia-HD from Glooscap on Vimeo.


LA RICERCA SUL PAESAGGIO
L’evento è il risultato di una ricerca sul paesaggio dell’agro urbano tranese, iniziata nel mese di settembre 2015. L'oggetto della ricerca sono il parco archeologico di Santa Geffa, che comprende una chiesa ipogea del XII secolo, e l'agro della Lama Palmareto: qui sono state condotte un'indagine fotografica documentaria e una ricerca in ecologia del suono e di paesaggio sonoro.
L'ambito paesaggistico in questione testimonia parte della storia della città, in bilico tra le ricchezze archeologiche, la fierezza contadina, la complessità industria dell'industria lapidea e le relative conseguenze ambientali.
La ricerca fotografica è stata affidata a Michele Cera (autore che assume come centro dei suoi studi la rappresentazione del paesaggio, in stretto riferimento all’insediamento umano e al “Sud” come dimensione culturale) e quella sonora a Francesco Giannico (musicologo e musicista elettroacustico, co-fondatore dell’Archivio Italiano dei Paesaggi Sonori e promotore del suono come strumento partecipativo).
I luoghi oggetto di studio fotografico sono stati successivamente registrati da un secondo gruppo di lavoro che, partendo da quei suoni ambientali, produrrà un'installazione audio che accompagnerà la mostra fino al 5 dicembre e una performance live collaborativa manipolando il paesaggio sonoro in tempo reale secondo la prassi dei live electronics.

I LUOGHI
Storicamente la campagna ha vissuto in simbiosi con la città, perché i prodotti della campagna venivano acquistati e consumati dalla città, secondo un processo di reciproco sostentamento. Questo rapporto simbiotico, però, per la città degli Statuti Marinari si arricchisce di una particolarità legata ai giacimenti di pietra calcarea e tufacea: la generosità delle risorse lapidee ha significato, per lunghi periodi, lo splendore della cittadina adriatica.
All'esaurimento progressivo delle cave è seguita la corsa agli acquisti dei terreni ancora intonsi da parte degli imprenditori lapidei, speranzosi di scoprirvi dei giacimenti. Il più delle volte queste operazioni si sono rivelate fallimentari: spesso non venivano trovati gli agognati banchi di pietra e le cave venivano lasciate aperte, modificando irreversibilmente l'aspetto del territorio. Oggi il paesaggio è caratterizzato, ai lati della Strada Vicinale delle Tufare, da voragini abbandonate a se stesse (non di rado diventate discariche) e da alcune cave attive che interrompono la suggestiva teoria di ulivi e vigneti. Lungo questa strada, che un tempo giungeva la campagna con la Cattedrale, a 3 km dalla città, si incontra il Parco archeologico della Chiesa rupestre di Santa Geffa, datata attorno all' XI secolo.

IL RISULTATO DELLA RICERCA: L’EVENTO ESPOSITIVO
Gli esiti delle due ricerche complementari sul paesaggio sono stati presentati a Trani il 29 novembre al Palazzo delle Arti “Beltrani” dalle 20.30 in un evento espositivo fondato sulla contaminazione dei linguaggi artistici. All'inaugurazione della mostra fotografica “Mirabilia” è stata associata "Sounds After Images", la performance elettroacustica collaborativa diretta da Francesco Giannico.
L’esposizione di interpretare ed evocare, con i suoni e le immagini, e le differenze tra i linguaggi artistici, le contraddizioni del paesaggio liminare al contesto urbano.

“Mirabilia” è stato realizzato in collaborazione con “Xiao Yan”, e rientra nella programmazione di CAVO Fest (Subterranean Fest of electronic music, visuals, photography, video art and archeology), finalizzata alla valorizzazione dell'area del Parco Archeologico di Santa Geffa a Trani, attraverso la contaminazione di linguaggi artistici differenti.




Direzione artistica
Michela Frontino e Enrico Mastropierro, Glooscap
Inaugurazione 29-11-2015
Ore 20.30 - Balazzo Beltrani, Trani (BT)

Progetto didattico ed espositivo di fotografia documentaria a cura di Michele Cera

Autori:
Antonia Bufi
Corrado Catania
Francesco Colella
Francesco Cuccaro
Costantino Forte
Maria Marrazzo
Enrico Mastropierro
Rossella Tursi

Progetto didattico e performativo di paesaggio sonoro a cura di Francesco Giannico

Interpreti della performance elettroacustica:
Aldo Brandi
Vincenzo Carbutti
Fabrizio de Ceglia
Chiara Missaggia
Vincenzo Napolitano